Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.annarosadeluca.it/home/admin/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 483

Stai pensando di iniziare una terapia ? Ecco le cose essenziali da sapere.

Decidere di intraprendere una psicoterapia non è una scelta facile. Ci si potrebbe sentire nervosi, dubbiosi e preoccupati di ciò che gli altri penseranno o al contrario veramente sicuri rispetto alle proprie aspettative.

Quali sono le cose importanti da sapere prima di scegliere se cercare aiuto in un percorso psicoterapeutico ? 

Non sei pazzo, sei coraggioso.
L’idea che chi intraprende un percorso terapeutico è “matto” è obsoleta e addirittura dannosa, perché impedisce di cogliere una possibilità reale per affrontare problemi reali, ma risolvibili.
Questo tipo di pregiudizio fa sì che molte persone non cerchino aiuto quando ne hanno bisogno, che chi soffre di ansia e depressione in forme lievi permanga in questa situazione più a lungo del necessario.
Quindi, iniziare una terapia psicologica è un sintomo di coraggio e non di debolezza.
Tutti possono trarre beneficio da una terapia grazie al supporto imparziale che essa fornisce; è utile scegliere di intraprendere questo tipo di percorso quando ci si trova di fronte a delle difficoltà emotive e relazionali e non necessariamente aspettare di stare eccessivamente male.

La terapia è come un “primo appuntamento”.
La relazione terapeutica, in fondo, è un rapporto tra voi e il terapeuta, è sì un contratto, ma pur sempre una relazione interpersonale con una componente affettiva non indifferente. 
Perché la terapia possa funzionare bene è fondamentale sperimentare come possa crescere nel tempo la fiducia verso il terapeuta.
Questo significa che il primo tentativo di incontro può non essere soddisfacente, così come dopo un primo appuntamento possono essere necessari ulteriori incontri, per trovare uno psicologo o uno psicoterapeuta con cui instaurare una relazione soddisfacente ed efficace.
Per questo motivo è utile non giudicare immediatamente un terapeuta, ma darsi il tempo necessario per trovare con lui un equilibrio e creare un buon clima; dunque, è consigliabile fare almeno quattro colloqui prima di decidere se proseguire o meno la terapia.

Vale la pena usare il tuo tempo per la ricerca del terapeuta.
Attualmente la psicoterapia è un campo molto ampio e articolato, ci sono diverse scuole di pensiero terapeutico, diversi orientamenti teorici e pratici e diversi tipi di terapeuti.
Per questo motivo, vale la pena spendere un po’ di tempo per informarsi su quale stile di terapia sia più adeguata alle vostre esigenze e possa costituire una soddisfacente soluzione al vostro problema.

La terapia non è una trappola.
Non sei mai “bloccato” in una terapia, se davvero senti che non funziona è possibile interrompere il percorso in ogni momento.
Il timore di molte persone è che una volta entrati nella stanza del terapeuta, non si riesca a comunicare il bisogno di andare via e ci si senta obbligati a dover “andare avanti” su suggerimento del terapeuta.
Un buon terapeuta sarà in grado di capire se il vostro bisogno di lasciare la terapia è una resistenza al percorso psicoterapeutico o se realmente non è il momento giusto o manca la motivazione necessaria per proseguire.

La terapia non è una soluzione immediata.
Il processo di ricerca di un terapeuta può essere spesso così impegnativo da far sorgere una sorta di aspettativa, secondo la quale dopo pochi colloqui ci sarà una evidente differenza rispetto allo stato emotivo iniziale. Molte persone si aspettano che la terapia sia una specie di bacchetta magica che in poco tempo risolverà tutte le difficoltà.
Sfortunatamente però il percorso terapeutico è un processo di non breve durata e solo entrando con convinzione in questa dinamica si potranno verificare con il tempo i risultati desiderati. 
Certamente non si possono escludere anche periodi negativi lungo il percorso, dove prevarrà la sensazione che nulla stia cambiando, generando così una forte frustrazione. La terapia in questo senso è caratterizzata da alti e bassi, ma solitamente è proprio nelle fasi negative che si evidenziano i veri cambiamenti.

Sì, la terapia funziona.
Ormai è accertato da tempo che la psicoterapia ha solide basi scientifiche e di ricerca sperimentale che garantiscono sulla sua efficacia.
Se il primo tentativo di percorso terapeutico non produce i risultati sperati, non significa che la terapia non funziona. Vale la pena di riprovare e trovare una persona con cui creare una migliore alleanza terapeutica.

Rispondi